La crisi colpisce i dentisti

dentista_crisi

” In quest’anno A? stata la volta delle dentiere, protesi e impianti, che hanno fatto segnare -40% rispetto anche solo a 3-4 anni fa.
Ai giorni d’oggi i pazienti vengono specialmente per le cure d’emergenza, estrazioni, le carie, le otturazioni o problemi dolorosi e non rinviabili.
Sempre piA? spesso si rinviano interventi di implantologia, che sono piA? costosi”.
Queste sono le dichiarazioni di Adnkronos Salute di cui A? il presidente nazionale di Andi (Associazione nazionale dentisti italiani), Gianfranco Prada , che poi afferma che” il fenomeno che oggi assistiamo sta colpendo tutti, non solo le persone piA? anziane ma anche i piA? giovani che non ce la fanno a far quadrare i propri conti”
” Quale sarebbe il risultato? Secondo Prada la soluzione ideale A? la possibilitA� di poter risparmiare proprio sulle cure odontoiatriche.
Quest’anno si segnala un calo netto delle prestazioni pari a almeno il 40%”, sottolinea Prada.
Dal dentista si va “quando il dolore A? davvero elevato, per devitalizzazioni, carie, otturazioni saltate per il resto si cerca di rinviare, ciA? A? testimoniato dal fatto che molti laboratori odontotecnici sono in segno negativo.
CosA� facendo il risparmio A? soltanto temporaneo, gli effetti reali sono solo per qualche anno: con un intervento mirato e preciso di potrA� avere un approccio piA? conservativo e con il lento trascorrere del tempo si rischia di dover far fronte a lavori piA? delicati e costosi”
La crisi spinge a risparmiare adulti e anziani, ma gli italiani tengono ancora moltissimi al sorriso dei bambini.
” Per questa tipologia di intervento parliamo di ortodonzia, con un netto calo, che si attesta solo al 20%.
Sotto quest’ottica i genitori non vogliono rinunciare alla cura dei propri bambini, magari rinunciano a loro”.
In tutti i casi l’esperto sta mostrando una situazione con una notevole sofferenza, “e proprio per ora sarebbe molto meglio poter rilanciare il progetto di odontoiatria sociale che A? stata scritta dall’Andi congiuntamente al ministero della Salute”.

 

immagine: google immagine
fonte: google news

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *