Montagnier apre al digitale per aiutare la medicina

“Siamo ad una svolta importante della medicina, che tuttavia nonostante tanti successi ancora non riesce a contrastare del tutto le malattie emergenti e croniche. La rivoluzione digitale puA? essere un costruttivo aiuto alla medicina, che dovrAi?? essere sempre piA? preventiva e personalizzata, basata sul dialogo tra medico e paziente”.
Queste sono le dichiarazioni del premio Nobel per la Medicina, Luc Montagnier (molto conosciuto al mondo per aver scoperto il virus dell’Hiv), che mercoledAi?? 21 gennaio ha anche partecipato alla cerimonia di consegna delle pergamene di laurea dell’UniversitAi?? Telematica Pegaso, nel complesso museale di Santa Chiara, con una Lectio Magistralis.
Presenti alla manifestazioni tra gli altri: il presidente di Pegaso, Danilo Iervolino; l’onorevole Aldo Patriciello, eurodeputato Ppe; il presidente di Neuromed, Mario Pietracupa; il rettore di Pegaso, Giovanni di Giandomenico; il direttore del Cell (Centro Lifelong Learning) di Pegaso, Luigia Melillo; il preside della FacoltAi?? di Scienze Umanistiche di Pegaso, Nicola Paparella; Luigi Moccia, direttore del Dipartimento di Scienze Giuridiche ed Economiche di Pegaso.
“La nostra,ha riferito il presidente di Pegaso, Danilo Iervolino, A? lai??i??UniversitAi?? del cambiamento, che sfrutta tutto il potenziale del web in termini di personalizzazione e velocitAi??. Siamo riusciti a creare percorsi di studio preferiti da migliaia di studenti, giovani e professionistiai???.
ai???La presenza del premio Nobel Montagnier , ha poi continuato il direttore generale di Pegaso, Elio Pariota ,A? la testimonianza dellai??i??attenzione che i grandi accademici rivolgono a questo Ateneo, che pur essendo proiettato nel futuro, ha un forte attaccamento alla storia e alla tradizioneai???.
Durante la cerimonia, Montagnier, che da parecchi anni ha intrapreso una collaborazione scientifica con Neuromed in uno dei centri piA? importanti in Europa in merito allo studio e alla cura delle malattie neurologiche, ha cosAi?? tenuto una lectio magistralis dal titolo ai???Dalle onde del Dna alla medicina P4ai???.
“Investire nella ricerca scientifica , poi ha concluso Patriciello ,significa investire nel futuro, nella possibilitAi?? concreta di migliorare la qualitAi?? della vita. Da questo punto di vista la collaborazione con il professore Montagnier rappresenta non solo un vanto ed un onore per Neuromed, ma anche l’occasione giusta per dare nuovo impulso alle nostre attivitAi?? di ricerca”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *