La media: una denuncia al giorno per cure “low cost”

dentista low cost

Purtroppo il dato A? davvero inquietante: una denuncia al giorno per i consumatori per disservizi che riguardano le prestazioni sanitarie e di benessere che vengono comprate sul web.
E’ quanto si verifica dai dati 2012 di Cittadinanzattiva.
“In totale sono 9 mila gli esposti che sono arrivati. E, alcuni di questi, pari al 4% (360), o meglio uno al giorno, sono una segnalazione dei consumatori per casi che possono riguardare il mondo della salute online.
Il 50% delle denunce ha proprio come oggetto il sistema dei gruppi d’acquisto online, con a capo Groupon e Groupalia”, dichiara all’Adnkronos Salute Isabella Mori, il responsabile dei Progetti integrati di tutela di Cittadinanzattiva-Tribunale del malato .
Groupon e Groupalia sono due siti altamente specializzati che sono in grado di offrire a prezzi stracciati beni e servizi con la modalitA� dell”e-couponing”.
A poter collaborare con loro sono presente dei medici che le utilizzano per potersi far conoscere e cosA� promuovere il proprio lavoro in rete offrendo tariffe “low cost”.
” Secondo Moro, il 4% delle segnalazioni a livello annuo puA? essere considerato un ottimo colpo, infatti poco prima del 2011 erano a quota zero”.
Le segnalazioni che sono arrivate all’associazione possono andare dalla pubblicitA� ingannevole ai possibili mancati rimborsi, dai medici che sono privi di autorizzazioni all”overbooking’, ovvero l’eccesso di prenotazioni.
“Secondo l’esperto possono essere presenti delle denunce per delle prestazioni di scarsa qualitA�, ci sono degli utenti che acquistato pacchetti completi per una visita dal dentista e invece, una volta presenti fisicamente nello studio, scoprono solo che c’era pulizia dei denti.
O anche le tariffe erano diverse da quelle pubblicizzate o la pulizia dei denti era troppo superficiale”.
“Solo dopo l’intervento di uno gli utenti sono stati in grado di poter ottenere il rimborso monetario rispetto al servizio richiesto.
In molte occasioni i siti non volevano neanche restituire i soldi, ma dare un altro ‘e-coupon’ di pari livello.
E proprio questo A? il classico esempio che dimostra come possa essere necessaria una regolamentazione piA? specifica per questo”.

immagine: google immagine

fonte: google news

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *