Presentato il Nomenclatore per le cure odontoiatriche

NOMENCLATORE

Tutto si estende dalle biopsie alla scialometria, dalla chirurgia implantare alle protesi: il nuovo Nomenclatore A? infatti la somma di tutte le prestazioni della��odontoiatria, ognuna illustrata e spiegata in maniera molto dettagliata e in termini davvero comprensibili anche ai non addetti ai lavori.
a�?Il Nomenclatore A? uno strumento veloce e molto facile da consultare”, come spiega il presidente CAO (Commissione Albo Odontoiatri) nazionale, Giuseppe Renzo, “e potrA� essere un valido supporto per la��esercizio della professione e per la consultazione in caso di contenzioso. Tuttavia costituisce un richiamo etico verso il pazientea�?.
Il nomenclatore, classificando voce per voce, quali possano essere e in che cosa possono riferirsi le opere professionali che un odontoiatra puA? adempiere, comporta una��importante tutela del paziente contro la��abusivismo.
a�?Altro aspetto A? il tariffario”, continua Renzo, “la cui opportunitA� ci vogliamo pensare di valutare e che va presentato , altrimenti utile solo per chi vende merci e prodotti, e non per chi A? in grado di eseguire delle prestazioni intellettuali. Altro aspetto A? il tempario, che umilia il rapporto empatico con la persona e trasforma una��arte in un artigianatoa�?.
Pertanto il Nomenclatore A? un prezioso strumento di trasparenza in merito al rapporto tra la��odontoiatra e il suo paziente, con una duplice valenza: sensibilizzare alla��uso di un linguaggio che possa essere facile da poter comprendere e quella di definire con fermezze le voci a cui poi si riferiranno gli onorari.
a�?La libera professione ha garantito ai cittadini la libera scelta del proprio medico di fiducia. Questo A? un diritto da garantire anche in futuro, se si vuole fermamente credere nei valori fondanti la��Alleanza Terapeutica, vera tutela del bene Salute. La��alternativa sarebbe scadere in rapporti contrattuali di tipo mercantile. Questo A? un principio fondamentale con il quale A? possibile chiudere virtualmente il cerchio di un percorso che, dopo essere partiti dalla formazione pre-laurea e proseguendo con la��aggiornamento, ha come scopo finale un professionista con una solida preparazione etica e deontologica, un adeguato approccio empatico, una��eccellenza clinica anche in campi come la prevenzione delle patologie del cavo oralea�?, conclude il presidente CAO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *