Apertura presidio ambulatoriale polispecialistico

Una societA� interessata alla apertura di un presidio ambulatoriale polispecialistico ha impugnato il diniego proveniente dal Comune inizialmente favorevole che ha successivamente aderito alla��orientamento negativo della Regione espresso con parere sfavorevole.

Il fatto
Una societA� che A? interessata alla apertura di un presidio ambulatoriale polispecialistico ha deciso di prendere in mano il diniego proveniente dal Comune , per cui all’inizio era favorevole ma che poi ha aderito alla��orientamento negativo della Regione espresso con il parere sfavorevole.

Profili giuridici
La pretesa di voler sottoporre le strutture sanitarie nella regione con un contingente numerico massimo, tralasciando da ogni possibile considerazione quantitativa e qualitativa circa i nuovi servizi che vengono offerti dai chi richiede la��autorizzazione e servizi giA� presenti sul territorio in merito alla relazione delle esigenze della popolazione che A? residente e fluttuante, non risulta in alcun modo connessa al piA? importante interesse pubblico generale in merito alla tutela della��imprescindibile diritto alla salute, ed A? cosA� suscettibile sia per poter limitare i servizi di prevenzione e cura che si possono concretamente attivare sul territorio, sia per poter ostacolare il miglioramento qualitativo e la riduzione dei prezzi per la��offerta privata e non convenzionata con il SSN grazie alla concorrenza e alla facoltA� di scelta dei pazienti fra possibili strutture diverse.

Per la��esercizio e la��apertura di una struttura sanitaria privata occorre l’autorizzazione a tutela della salute pubblica, ai sensi degli artt. 1 e 4 della L.R. 51/2009.
Requisiti del richiedente
L’autorizzazione deve essere richiesta da tutti i titolari di strutture sanitarie private che vogliono aprire, nella��ambito del territorio comunale:
i�� Ambulatori mono e polispecialistici
i�� Gabinetti di analisi, gabinetti di medicina nucleare, gabinetti radiologici
i�� Servizi di ecografia e di diagnostica strumentale
i�� Presidi di cure fisiche
i�� Gabinetti di radioterapia
i�� Presidi di ricovero
i�� Centri di riabilitazione, sia ambulatoriale che di ricovero
i�� Studi professionali attrezzati ad erogare prestazioni di chirurgia ambulatoriale ovvero procedure diagnostiche e terapeutiche di particolare complessitA� o che comportino un rischio per il paziente, nonchA� procedure di diagnostica strumentale con refertazione per terzi

 

immagine: google immagine
fonte: google news

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *