Obblighi per la��apertura di uno studio dentistico

studio dentistico

studio dentistico

Per studio odontoiatrico privato si intende, la��ambiente privato e personale in cui la��odontoiatra esercita la sua libera attivitA� professionale di diagnosi e terapia, in forma singola o associata.

La titolaritA� dello studio odontoiatrico privato puA? riguardare il singolo odontoiatra o gli odontoiatri associati, prestatori di opera professionale cui sono abilitati, non A? necessaria dunque la presenza del direttore sanitario responsabile.

Per la��apertura di uno studio dentistico, la��obbligo di autorizzazione sanitaria non A? previsto in ogni caso, ma solo quando vengono svolte anche attivitA� pericolose.

Infatti A? previsto che a�?la��attivitA� di odontoiatra svolta in regime privatistico, non ha bisogno di alcuna autorizzazione se non effettua procedure diagnostiche e terapeutiche di particolare complessitA� o che comportino un rischio per la sicurezza del pazientea�? a�� affermazione letta durante una sentenza che riguardava la casistica.

Quando occorre la��autorizzazione sanitaria?

In base alla��art. 8 ter d. Lgs. 502/92 la��autorizzazione per gli studi dentistici puA? essere pretesa solo:

  1. in presenza di prestazioni di chirurgia ambulatoriale;
  2. in presenza di procedure diagnostiche e terapeutiche di particolare complessitA�;
  3. in presenza di procedure che comportano un rischio per la sicurezza del paziente.

Tuttavia non viene specificato quali attivitA� sono da considerare pericolose. A tal proposito i giudici affermano che implantologia ed endodonzia non sono attivitA� pericolose.

Per quando riguarda il rinnovo, ca��A? da sapere che la��autorizzazione sanitaria (ove necessaria) A? rilasciata senza limiti temporali fino a modifica della struttura o al suo trasferimento.

Fonti: www.appaltiesanita.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *