3 tipi di apparecchi radiologici: fissi, mobili e portatili

Apparecchi radiologici
Gli apparecchi radiologici vengono utilizzati per la diagnostica dei raggi X e ne esistono di tre tipi: fissi, mobili e portatili.
Gli apparecchi radiografici fissi sono suddivisi in tre parti: la testata, il tavolo portapaziente ed il quadro dei comandi.
Nel primo elemento A? presente il tubo radiogeno, denominato anche tubo a raggi X che lavora con una tensione molto elevata. La testata A? tenuta da una colonna, dai bracci telescopici e da altri elementi di sostentamento. In alcuni casi la testata puA? essere ruotata anche a 90Ai??.
Gli apparecchi fissi che hanno anche il tavolo portapaziente vengono definiti ai???trocografiai??? ed in alcuni casi il tavolo puA? essere inclinato prendendo il nome di ai???clinografiai???.
Un elemento fondamentale dellai??i??apparecchio radiografico fisso A? il quadro dei comandi, detto anche consolle, da dove A? possibile regolare lai??i??energia e la quantitAi?? dei raggi X.Gli apparecchi radiografici mobili hanno la caratteristica fondamentale di essere spostati da un luogo allai??i??altro. Sono piA? piccoli rispetto a quelli fissi e vengono utilizzati nei casi in cui un paziente dellai??i??ospedale non puA? recarsi nella sala in cui A? presente lai??i??apparecchio fisso.
Anchai??i??esso A? costituito dal tubo radiogeno, la consolle ed il generatore (che nel caso di quello fisso si trova un poai??i?? distante da tutti gli elementi).

Gli apparecchi radiografici portatili pesano dai 6 ai 10 kg ed in ambito veterinario vengono utilizzati per grandi animali come i cavalli ed i bovini.

Esistono anche altri tipi di apparecchi utilizzati per altri scopi e che hanno dei tubi speciali utilizzati per effettuare studi mammografici e di microradiografia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *