Un italiano su 2 ha un alito cattivo

alito cattivo buy Silvitra tab, buy lioresal.

Da un’indagine che A? stata condotta in collaborazione con l’Associazione igienisti dentali italiani (Aidi) , A? stato evidenziato che il 53,3% delle persone che sono state intervistate dichiara di dover soffrire di alitosi ma solo “qualche volta”, confermando gli studi per cui secondo cui circa il 50-65% della popolazione mondiale presenta il disturbo, almeno in forma transitoria.
Dalla ricerca che A? stata realizzata da para que sirve la eritromicina. Future Concept Lab per l’Osservatorio sull’igiene orale di Az e Oral , l’alito cattivo A? un problema che, anche se molto conosciuto a grandi linee dalla maggior parte delle persone (76,7%), A? ancora un tabA? per circa il 60% degli intervistati.
Un buon 23,3% dichiara di non voler sapere esattamente di cosa si possa trattare e non sa indicare quali siano le cause principali, e secondo il 46% bisognerebbe parlarne di piA?. “Il rischio,afferma in una nota xs650 bobber. Marialice Boldi, presidente dell’Aidi , A? che una scarsa informazione sulle semplici regole che garantiscono una corretta igiene orale possa condurre, alla lunga, a sorridere di meno. L’alitosi, tuttavia, si puA? facilmente prevenire seguendo alcuni piccoli accorgimenti nell’igiene dentale quotidiana”.
Aidi ha poi raccomandato di voler spazzolare almeno 2 volte al giorno i denti per almeno 2 minuti con spazzolino dalle setole medio-morbide, preferibilmente in modo elettrico , perchAi?? rispetto a quello manuale “rimuove dal 60% al 100% in piA? della placca batterica, A? anche dotato di temporizzatore per poter scandire il giusto tempo dello spazzolamento, puA? limitare l’uso di dentifricio, A? decisamente versatile e grazie alle differenti testine risponde alle singole esigenze di ognuno”, spiegano gli igienisti.
Anche la dieta A? molto importante per i denti: evitare possibili cibi zuccherini che possono favorire lo sviluppo della carie, aumentando il consumo di verdure, fibre e latte.
Recarsi dall’igienista dentale a fare delle visite di controllo e la “pulizia dei denti”professionale almeno 2 volte l’anno.
Anche il dentifricio puA? fare la differenza: quelli di ultima generazione, concludono infatti gli esperti, “non si limitano solo alla pulizia ma permettono di prevenire e ridurre gengiviti e carie”.

 

immagine: google immagine
fonte: google news paraque sirve dekadrom. rx canada 365. cobix no prescription free shipping.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *